Mi chiamo Mariapia Statile e le mie passioni più grandi sono la scrittura, intesa come racconto e divulgazione, e la fotografia.

Amo scoprire luoghi nuovi da fotografare oppure, ritornare in quelli che già conosco e che mi hanno conquistata ma soprattutto, poterli rivedere ogni volta che ne ho voglia attraverso i miei scatti!

La mia è pura fotografia amatoriale, sono quindi autodidatta ma in continua ricerca per migliorarmi.

Nel 2010 la mia fotografia dal titolo “Onde Immobili “ è stata inserita nel Catalogo Premio Vittorio Alinari 2010, Artigianato d’Arte in Toscana: la memoria, la materia, la tecnica, la mano. Per sfogliare il catalogo della mostra, clicca >Qui<

Dal 2011 fornisco un contributo con le mie fotografie su Wikimedia Commons:

Apollo e il Vesuvio  
Sotterranei, Anfiteatro campano  

Conocchia  
Anfiteatro dell’antica Cales, interno
Teatro dell’antica Cales

Arco di Adriano 
Ninfeo, Villa romana di San Giovanni in Palco
Terme della Villa romana di San Giovanni in Palco

Nel 2013:
La Foto Dimenticata  sul portale di Direzione Italia
– Antico e Moderno.
Pompei in stile Le Corbusier Il cambiamento del territorio nell?imprescindibile rapporto tra antico e moderno caratterizzante il corso della sua storia su pompei.corriere.it
– Il Vesuvio da Mergellina.
Lo spettacolo del Vesuvio innevato ma con il sole e il mare onnipresenti! su pompei.corriere.it

Dal 2014 collaboro sul portale di Instaura per la categoria fotografi 

Sulla mia > pagina instagram < ho creato hashtag dedicati, al fine di comporre un discorso continuo e specifico che le contraddistingua:

#lefotodellastatile per tutti i miei scatti che fermano quel fatidico istante così da poterlo rivedere in qualsiasi altro momento
#scattidiarcheologia gli scatti che vogliono immortalare il fascino dell’archeologia nonché tutto il nostro meraviglioso patrimonio culturale
#MeLaLaMiaJackina sono gli scatti della mia adorata jackina che si chiama MeLa!
#livedalmiostudiolo per raccontare e condividere l’altra mia passione fatta di colori, pennelli, matite, carboncino, tele, cucito, materiali, creazioni: tutto quello che realizzo nel ‘mio studiolo’
#lamiapausainbiancoenero raccoglie quelle fotografie che ho scelto di editare in bianco e nero 
#momentsonstripes scatti che catturano momenti su di uno sfondo a strisce bianche e nere

La scelta di occuparmi di divulgazione culturale coincide con la nascita del mio blog OsservArcheologiA che ben presto, con l’avvento dei social, è diventato un “ArcheoNetwork”, ossia un luogo di ritrovo virtuale dove conoscersi, confrontarsi e approfondire tematiche che vanno dall’Archeologia all’Arte passando per la Fotografia ed il Turismo.

Lo scopo è quello di fare rete tra coloro che si occupano di Valorizzazione e Divulgazione Culturale del Patrimonio Culturale al fine di generare un interscambio di idee, opinioni e confronto tra le parti, quindi interazione e visibilità.

OsservArcheologiA è un progetto sperimentale di Visual Storytelling le cui tematiche trattate spaziano dall’Archeologia all’Arte passando per la Fotografia e il Turismo. Il fine è quello  di trasmettere l’immenso Patrimonio archeologico, artistico, storico, culturale nazionale e internazionale, nonché il lavoro di studio, scavo e ricerca dell’Archeologo, attraverso quella  che abbiamo scelto di definire come divulgazione culturale social  ossia, divulgare la Cultura attraverso il web e le sue reti basate su relazioni sociali, nella fattispecie i social network Instagram, Twitter e Facebook, mantenendo sempre una forma che sia composta e scientifica ma al contempo, di facile accesso anche per chi non è specifico del settore.

Divulgare attraverso l’osservazione è il concetto base che a sua volta crea l’interpretazione, un tassello importante che assieme agli altri, conduce nel significato specifico dell’esplorazione visiva dove ognuno potrà Osservare – Conoscere – Scoprire con i propri occhi e/o quelli degli altri, il Patrimonio Culturale.

Per conoscere il progetto OsservArcheologiA ti invito a cliccare >Qui<

Puoi approfondire la mia biografia su Academia.edu oppure su  LinkedIn